La Rivista
Il Laboratorio
Eventi
Contatti
 PROGETTO E FASI PROGETTO_CRIMEOUT.pdf 
La domanda di “sicurezza urbana” comprende una pluralità di settori e fattori, tra i quali il rischio effettivo di essere vittime di reati o altri atti violenti, il disagio dovuto alla rottura dei codici di comportamento della civile convivenza, il disagio dovuto al degrado del territorio, la percezione di insicurezza, concetto disgiunto dalla reale insicurezza, legato spesso a fattori ambientali (quali la scarsa illuminazione, la non chiarezza dei percorsi, la non conoscenza dei luoghi ecc.); la paura, come sentimento soggettivo, non sempre legato all’aumento del rischio, ma derivante da fattori più ampi e spesso lontani dal contesto specifico in cui si ha paura.
 
Gli studiosi di sicurezza urbana concordano nel ritenere che:
a) favorire la frequentazione degli spazi pubblici, produce sorveglianza spontanea e, quindi, sicurezza;
b) rafforzare l’identificazione con i luoghi e il senso di appartenenza da parte dei cittadini influisce sulla percezione di sicurezza e sulla sicurezza effettiva, perché questi rispettano, controllano e difendono i luoghi che sentono propri;
c) la chiarezza nell’organizzazione degli spazi e la visibilità dei luoghi incidono
fortemente sulla sicurezza e sulla percezione di sicurezza;
d) evitare gli spazi “morti” (senza vitalità), nascosti o indefiniti migliora la sicurezza, perché gli atti di vandalismo e di criminalità tendono a concentrarsi in questi luoghi;
e) sostenere i meccanismi di sorveglianza spontanea anche attraverso la sorveglianza organizzata,  migliora;
f) la videosorveglianza va usata solo a integrazione delle altre forme di sorveglianza
spontanea o organizzata;
g) la sicurezza ambientale si ottiene anche organizzando servizi di accoglienza per le popolazioni marginali (che tendono a concentrarsi in certi luoghi pubblici quali ad
esempio le stazioni);
h) le situazioni e sistemazioni temporanee (cantieri, recinzioni, deviazioni) creano non
solo disagio, ma anche luoghi potenzialmente pericolosi. Bisogna quindi progettare
e curare anche in termini di sicurezza le sistemazioni temporanee durante i cantieri.
Il tema della sicurezza nelle città, dunque, va affrontato su piani diversi ed a tutti i livelli di pianificazione e progettazione nell’ambito urbano.
 

Crimeout

propone molteplici fasi 
che possono essere combinate in un progetto ad hoc

 
 
La Rivista | Il Laboratorio | Eventi | Contatti
Site Map